Webcam a Trapani e provincia

westsicily
Pubblicità su Video Webcam > Pipitone Impianti Pipitone Impianti
Countdown

Trapani - Saline WEBCAM TRAPANI

Le immagini sono trasmesse in presa diretta e non costituiscono “Archivio Storico”. Le riprese sono ad una distanza tale da non permettere il riconoscimento dei tratti somatici delle persone, così come previsto dalla vigente normativa del Garante sulla Privacy.

Trapani - Saline

WEBCAM TRAPANI

La Riserva Naturale Orientata delle Saline di Trapani e Paceco con un’estensione complessiva di circa 1000 ettari, è divisa in 2 zone, di cui 700 ha di zona A, coincidente con le vasche di salina, e circa 300 ha di zona B. Su tutto il territorio protetto vige un regolamento d’uso e divieti.  Le saline per il loro elevato valore ambientale sono sottoposte a diversi vincoli di tutela: con D.M. del 4 aprile 2011, il Ministero dell’ambiente ha dichiarato la zona umida della riserva delle Saline di Trapani  e Paceco  "sito di importanza internazionale". I bacini utilizzati per l’estrazione del sale, date le tecniche utilizzate (che sono quelle tradizionali in uso da secoli) e la particolare geomorfologia della costa (che vedeva la presenza di lagune e pantani costieri), costituiscono un ambiente che seppure in gran parte artificiale, ospita una grande diversità biologica, dal livello microscopico dei batteri a quello macroscopico degli uccelli.

La webcam delle Saline di Trapani rappresenta un importantissimo luogo per ammirare migliaia di uccelli durante la migrazione sia autunnale che primaverile

E' possibile effettuare all’interno dell’area protetta le visite guidate gratuite, prendendo contatto preventivamente con l’Ente Gestore della Riserva al n. di tel. 0923-867700 - 3275621529 o inviando una mail all'indirizzo salineditrapani@wwf.it. Le escursioni durano in media circa due ore, e mettono in evidenza sia le peculiarità naturalistiche che quelle della salicoltura. Gli itinerari all’interno dell’area protetta variano in base al periodo dell'anno ed alle condizioni meteorologiche. Si consigliano come periodi migliori, per l’osservazione della fauna migratoria che sosta presso la Riserva, i mesi da febbraio a maggio oppure da settembre a novembre, mentre durante i mesi estivi (poiché per tutelare la fauna nidificante alcuni accessi sono chiusi ai visitatori) è possibile osservare gli uccelli solo in alcune aree e a distanza di rispetto.